21 febbraio 2018

Follow your Art Campain by Gymboree

La collezione primavera-estate 2018 del fashion brand per bambini e ragazzi Gymboree è pronta per ispirare le giornate della nuova stagione. Uscendo in punta di piedi dal freddo per approdare a giornate più calde, piene di sole e di vitalità all'aria aperta, Gymboree ci anticipa la moda kids per i prossimi mesi. I colori su cui puntare per essere come sempre cool sono il blu sia per i maschietti, in versione Capitan Tee, che per le femminucce, ma anche tanto verde e righe a volontà (ne sono felice perchè non mi stancheranno mai, lo devo ammettere!). Anche questi nuovi capi mi hanno convinta, sono belli, pratici e di tendenza. Proprio quello che una mamma cerca per i propri figli.

::This post contains affiliate links and I will be compensated if you make a purchase after clicking on my links. I was compensated for this post::
Mi piace molto anche la campagna pubblicitaria della collezione e il messaggio ad essa correlata: ragazzi siate creativi! Coinvolgendo tutta la famiglia a seguire questa nuova aria primaverile piena di idee creative attraverso #followyourart.
Noi genitori siamo davvero così sicuri di saperne abbastanza su questa tematica, riuscendo poi a coinvolgere, attraverso le giuste informazioni, i nostri figli?

Pensiero divergente e creatività.
Il termine creatività, oggigiorno è erroneamente associato solamente a performance artistiche o musicali, invece, rappresenta la giusta chiave per ottenere dei buoni risultati in tutto ciò che quotidianamente facciamo: coloro che hanno sviluppato una buona dose di creatività risultano avere un'indole più flessibile ed essere capaci ad affrontare e risolvere meglio i problemi. Secondo Mark Ruco, direttore del Dipartimento Torrance Center for Creativity & Talent Development dell'Università americana della Georgia, tutti abbiamo un potenziale creativo e la creatività non è un talento innato, ma piuttosto un'abilità, sta proprio ai genitori e agli insegnanti aiutare i bambini nel realizzarla. Ciò è tipico del pensiero divergente, grazie al quale si è in grado di produrre una serie di possibili soluzioni alternative difronte ad un problema. Così anche nel gioco un'unica soluzione non è quella corretta. Spazio, quindi, alla fantasia e a genitori capaci di ampliare l'inventiva dei propri figli. 
work in progress by my beloved Bixi


Spunti per genitori di figli creativi.
Molti ricercatori, inoltre, pensano fortemente che nel corso degli anni le esperienze legate all'infanzia siano radicalmente cambiate, tali da compromettere in un certo senso lo sviluppo creativo. Le aziende che producono giocattoli offrono una miriade di scelte dove però i personaggi, la trama e le immagini sono già preconfezionati senza lasciare, quindi, spazio all'immaginazione dei ragazzi. Essi, in questo modo, non hanno più bisogno di pensare a come è fatta una precisa scena o un determinato oggetto presente nella storia, perché è tutto già creato a priori ed incasellato per un determinato momento di gioco. Come possiamo aiutare i nostri figli? Vediamo alcuni spunti creativi da sviluppare in famiglia.

Aiutare i bambini a giocare in modo destrutturato, cioè lasciandoli liberi di creare ed immaginare senza fornir loro giochi preconfezionati. Limitare le ore passate davanti alla televisione e ai dispositivi elettronici, preferendo invece la lettura di libro dove sia presente un personaggio preferito oppure disegnare e dipingere o ancora inventare un nuovo gioco.
Creare uno spazio all'interno di una stanza, nella mansarda o nel garage dove i bambini possano dare libero sfogo al loro gioco, ovvero creare un sano casino! Dove possano sentirsi liberi di sporcarsi con i colori o di vestirsi per interpretare nuovi personaggi. Anche un angolo della camera può essere il posto ideale dove giocare con le costruzioni.
Incoraggia i tuoi figli ad inventare cose che non hanno ancora mai pensato, senza però dare loro soluzioni, né decidendo quali siano, per realizzarlo, le idee migliori e quali no. Permetti loro di esplorare le proprie idee in libertà.
Fai si che i tuoi figli commettano errori, perché solo sbagliando non avranno paura della sconfitta ne del giudizio di fallimento, entrambi sentimenti antagonisti del pensiero creativo.
Infine, non premiare mai la creatività dimostrata dai tuoi figli, perché ciò interferisce con il processo creativo, riducendone la qualità dei progetti realizzati e la flessibilità del loro pensiero.

___________________
Text: B.Bovio @iblocnotes
Photos: Gymboree

2 febbraio 2018

Green and Style: la curcuma

La curcuma elogiata in questi giorni in molti articoli, per le sue proprietà e benefici è, senza dubbio, la spezia di cui più si è parlato (e scritto) in questo inverno 2018. E se l'anno nuovo porta, spesso, buoni propositi per me gennaio, è in assoluto il mese in cui fare il punto della situazione, introducendo abitudini sempre più sane.
live dalla mia cucina :)

Anno nuovo, buoni propositi.
Se in passato ho puntato a migliorare il movimento fisico e la routine quotidiana in fatto di beauty, quest'anno la mia attenzione si è spostata sui piatti che preparo. Oltre ad essere buoni, devono anche apportare vitamine e principi benefici al corpo. In cucina ho l'abitudine di usare le spezie per rendere i cibi più appetitosi, in modo da non abbondare in sale, peraltro già contenuto negli alimenti stessi soprattutto se acquistati già pronti, o di altri preparati come per quelli per il brodo e i condimenti, non poi così salutari. In passato avevo già utilizzato il curry, ma questa volta ho voluto provare uno solo dei suoi tanti ingredienti, la curcuma appunto, chiamata anche zafferano delle indie per il suo colore giallo ocra.

Proprietà e benefici della curcuma.
Una spezia che, oltre a rendere i cibi buoni, se utilizzata quotidianamente, ha anche notevoli benefici per l'organismo. La curcuma, infatti si è dimostrata in grado di migliorare la memoria e i sintomi della depressione, grazie alle sue proprietà antiossidanti e al tempo stesse antinfiammatorie. In India, infatti dove viene consumata con regolarità si è notat unaa maggiore performance cognitiva con un minor numero di casi di malati di Alzhaimer. Apprezzata fin dall'antichità per le sue comprovate proprietà, la curcuma oltre che nella preparazione dei cibi può essere bevuto nel latte o come tisana. Sciolto nel miele potenzia, inoltre, la sua naturale caratteristica di antibiotico naturale, preservando al tempo stesso la flora intestinale e regalando una sferzata di energia a tutto il corpo.
@akhiltchandran

Curcuma, la mia esperienza
Sono pienamente soddisfatta dell'introduzione di questa nuova spezia nella mia dieta. Mi piace il suo colore e il profumo mi riporta alla mente paesaggi asiatici. Nei cibi il suo sapore e gradevole e a differenza del curry ha mille e più modi per essere utilizzata. In questi giorni ho il raffreddore, così l'ho provata nella crema di verdure, nel brodo e anche nel latte, ne sono rimasta piacevolmente soddisfatta per il buon gusto che dà alle pietanza. Forse non avrà sconfitto al cento per cento i miei virus, ma almeno i sintomi sono migliorati. Sulla carne e sul pesce, così come sulle verdure l'ho utilizzata verso fine cottura e unita alle altre spezie rende particolare i piatti preparati, dandogli anche un tocco di colore. Devo ancora provarla sul riso e anche sulla pasta, ma sono sicura che anche qui non mi deluderà. Sicuramente ne farò uso nei frullati per un pieno di energia in aggiunta allo zenzero oppure mi ispira molto abbinata al sedano e al cetriolo. Negli smoothie, invece, è da provare come radice insieme allo yogurt e all'ananas. Questa estate stupirò i miei ospiti con una spolverata di curcuma sul gelato (cocco, fragola, fiordilatte) per divertirmi a creare un piacevole e rinfrescante contrasto.

La curcuma ha controindicazioni?
Il dosaggio giornaliero di questa spezia, se assunta in polvere, è di un cucchiaio scarso da minestra e, se si vuole rafforzarne l'effetto, la si può aggiungere al pepe nero o all'olio d'oliva. A fronte di tanti benefici per l'organismo, la curcuma, però, ha anche alcune controindicazioni. Nel caso, infatti, si assumano determinati farmaci è bene non consumarla. No quindi se si è in cura con gli anticoagulanti, come ad esempio il Coumadin, così come per gli antiaggreganti, come lo è la CardioAspirin, e anche per i farmaci chemioterapici è bene non far uso della curcuma: l'interferenza della spezia, ed in particolare del suo principio attivo la curcumina, è alto con questi farmaci. Se ne sconsiglia  anche l'uso in gravidanza e durante l'allattamento. 

22 dicembre 2017

Regali (dell'ultimo minuto): le borse Kipling

Non sono proprio il tipo che parte in anticipo nell'acquisto dei regali. Come ogni anno mi sono messa d'impegno solo intorno al 20 dicembre, ben sapendo però cosa andare a cercare. Trovati nella libreria sotto casa i volumi che la nostra Bixi aveva minuziosamente elencato nella letterina a Babbo Natale (per fortuna, erano gli ultimi libri in vendita!), per tutti gli altri regali ci siamo messi alla ricerca online. Roma è una grande e caotica città in settimana, ed avere la possibilità di vedersi recapitati a casa i regali è un gran bel risparmio di tempo. Complice il portiere dello stabile, già ribattezzato come la tana dei regali di Babbo Natale :)

20 dicembre 2017

I benefici della Vitamina E

La vitamina E rappresenta un vero e proprio toccasana per il nostro aspetto, in quanto aiuta ad avere i capelli e la pelle più luminosi, regola lo zucchero presente nel sangue ed è un valido alleato nella prevenzione di molte malattie, tra cui ad esempio i tumori. Sapevate ad esempio che la carenza di questa vitamina comporta problemi di digestione e che non deve mai essere usata su ferite? Vediamo più nel dettaglio le sue caratteristiche.

Vitamina E, a cosa serve
La scoperta di questa vitamina, indispensabile per una buona salute, è relativamente recente occorre infatti arrivare al 1968. La proprietà più nota della vitamina E è quella di rendere migliore la pelle donandole un aspetto decisamente più sano, utile per prevenire le rughe ma anche in caso di acne ed eczema. Si è rilevata, inoltre, un valido aiuto nella guarigione delle cicatrici. Non solo, recenti studi hanno, infatti, dimostrato la sua utilità nella prevenzione del deterioramento dei neuroni, causa di un deficit cognitivo (demenza senile e Alzheimer per intenderci) e anche per quanto riguarda la protezione del sistema vascolare. Più in generale, la vitamina E, ha ottime funzioni antiossidanti con proprietà antinfiammatorie, proteggendo il sistema immunitario.


Vitamina E, benefici sulla pelle
L'azione della vitamina E è utile contro i radicali liberi, in casi di eritemi e di scottature, dovute ad un'eccessiva esposizione solare, aiuta, inoltre, la pelle a rimanere elastica ed idratata. Un ottimo alleato antirughe, quindi, grazie all'elevata capacità nell'aumentare il micro circolo cutaneo, di cui proprio il 20% è rappresentato dal nutrimento della pelle. Il nostro corpo non è in grado di produrre la vitamina E, quindi sta a noi farne scorta attraverso gli alimenti.

Vitamina E, dove si trova
Particolarmente ricchi in vitamina E sono la frutta secca tra cui le nocciole, arachidi, noci e mandorle e molti oli vegetali come l'olio di oliva ma soprattutto l'olio di germe di grano e l'olio di girasole. Questi ultimi, in particolare, se massaggiati rendono la pelle più giovane ed elastica. Ceci, uova, asparagi, avocado, pomodori, spinaci e broccoli sono, inoltre, una buona fonte del tecoferolo, uno dei principali composti chiamati appunto vitamina E. Attenzione, però, ai differenti tipi di cottura ed anche di congelamento: la vitamina E, infatti, riduce il proprio apporto vitaminico inseguito a cotture in forno e a fritture.