22 giugno 2012

FAVOLE PUGLIESI, Briciole di saggezza popolare


Favole Pugliesi, scritto da Manlio Triggiani ( 192 pagine, IIIa edizione, 18 euro) ed edito da Progedit, fa parte della collana Briciole e nascono dai racconti della gente ed alla gente ritornano arricchite, modificate e rinnovate a partire da un profondo e sostanziale rapporto con la vita,  con le esperienze e le vicissitudini.
La raccolta ripropone frammenti di questa saggezza popolare. Frammenti per lo più dimenticati o sedimentati dalla memoria collettiva, grazie alle parole che hanno riempito il tempo e lo spazio. Favole che raccontano dei diversi tipi umani, figure e maschere che rappresentano modelli comportamentali che ciascuno di noi incontra nella propria vita ma che costituiscono un sentiero per giungere ad un consiglio, ad un suggerimento, una morale che ci guida nell'affrontare e uscire vincitori da una situazione ambigua o pericolosa.


RECENSIONE DELL'EDITORE
Sessanta favole per sessanta "parole" per sessanta illustrazioni.
Le introvabili "Favole pugliesi" ripropongono frammenti di sapienza popolare per lo più dimenticati o, al limite, sedimentati nel "DNA culturale" di più generazioni grazie agli insegnamenti che hanno riempito il tempo e lo spazio, dove divengono indistinti l'immaginare del bambino e il narrare dell'adulto.

Il recupero di storie dimenticate, spesso nella versione in italiano dall'originario dialetto, non è, tuttavia, il solo fine del libro, né il principale. "Favole pugliesi" propone, piuttosto, una originale esperienza di ascolto e di lettura che mette al centro il legame tra la malia del racconto, l'efficacia didascalica della singola parola, la suggestione dell'illustrazione.

L'alleanza tra queste tre dimensioni comunicative propone in nuova veste l'antichissimo piacere della scoperta, nella fiaba e nella favola, di tracce delle nostre tradizioni, di credenze, di ritualità antiche, di una saggezza che non c'è più. Un piacere che non ha tempo e non ha età, che prescinde da appartenenze sociali e ideologiche. Un piacere che diventa immenso quando il racconto si fa occasione di contatto tra generazioni.
Completano l'opera le tavole di tre giovani talenti dell'illustrazione.



L'AUTORE
Manlio Triggiani (Bari 1955), laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista e lavora alla "Gazzetta del Mezzogiorno". Ha curato libri e collaborato alla redazione di volumi collettanei. Collabora con varie riviste. Alterna l'interesse per la cronaca (nei settori della cultura, dell'ecologia e delle tematiche della formazione, in particolare dell'Università) agli studi tradizionali e delle tradizioni popolari. Per i nostri tipi ricordiamo il suo "Storia del Natale. Culti, miti e tradizioni di una festa millenaria".


GLI ILLUSTRATORI
Clara De Cristo è nata a Bari, dove vive e lavora. Dopo gli studi artistici ha partecipato a concorsi di pittura in diverse località italiane. Ha realizzato mostre di pittura collettive e personali, ha collaborato con teatri disegnando complementi scenografici, ha contribuito alla didattica di scuole elementari e medie mediante corsi di pittura e cartapesta.


Renata Salvemini è nata a Brindisi nel 1972, ha frequentato l' "Accademia  dell'illustrazione e della comunicazione visiva" a Roma, dove vive e  lavora. Collabora come illustratrice free-lance con studi grafici e agenzie di pubblicità. 


Silvano Pica è nato a Taranto il 10 giugno 1986. Attualmente frequenta, presso l'Accademia di Belle Arti di Lecce,il biennio specialistico in decorazione. Contemporaneamente, lavora come illustratore free-lance.






questo libro è stato proposto dalla  BOTTEGA DEL LIBRO
corso Mazzini 10, Ostuni (Br)