18 novembre 2013

Un libro. Un ristorante. Un film e tanto folk. Benvenuti in Salento ! | BLOGGER WE WANT YOU

Con lo sguardo all'insù mi accingo a fare due passi in una delle più belle città d'arte della nostra penisola, meravigliosa di giorno estasiante durante la notte, con le luci che illuminano la pietra locale, lavorata e cesellata da sapienti Maestri. 
Ora la modernità si sposa con la storia, non un contrasto ma una piacevole armonia. Corsi e ricorsi storici che non finiscono mai di stupirmi ed inebriarmi anche se mille e ancora più volte io l'ho già visitata, da sola, con la mia famiglia e con i francesi che arrivano con la Guide Vert sotto il braccio e ripartono con le bellezze architettoniche riflesse negli occhi e il palato allietato da tante bontà (qualcuna finisce pure in valigia). Questa è Lecce ! 
Una destinazione di tendenza non solo nel periodo estivo ma anche durante in quello autunnale/invernale, come un bel capo di grande sartorialità non ti lascerà mai senza averti saputo dare il meglio che in sè racchiude. 
Le mie proposte per "gustare" al meglio questo weekend fuori porta, possono iniziare già a casa con la lettura di un libro, per conoscere questa terra anche sotto altri punti di vista. Ascoltando buona musica e guardando un film. 


Un LIBRO per calarsi nella parte.

Perfrancesco Pacoda nel suo libro "SALENTO, AMORE MIO" compie un viaggio analizzando e riportando alla luce personaggi del Salento, luoghi e tanta musica. Prima fra tutte quella che poi ha dato vita alle correnti musicali successive contemporanee, la Pizzica, con la sua massima esaltazione nel festival la Notte della Taranta che da anni avvicina i giovani al folklore e alla tradizione. Lo scrittore prende in esame i vari sviluppi musico-sceno-fotografici che esaltano le bellezze di questa terra, senza però dimenticare il problematico passato che pur senza volerlo a volte riaffiora. Un libro di ampio slancio da leggere tutto d'un fiato.



 Un RISTORANTE e il suo  DESSERT per un carico d'energia.  


Nel cuore del salotto leccese a pochi passi dalla piazza centrale, dopo un giro esplorativo e contemplativo delle numerose chiese barocche Santa Croce, Sant'Irene, il Duomo, solo per citarne alcune e le vestigia che riportano alle civiltà più antiche, una sosta nella LOCANDA RIVOLI, in via Augusto Imperatore, sarà una piacevole pausa gustando i piatti locali della tradizione e dove ogni pasto non può chiudersi senza il dolce tipico, il pasticciotto ... se chiudo gli occhi sento ancora il suo profumo, la crema pasticcera calda e marmellata di amarene che si sciolgono in bocca. Un ristorante da segnare in agenda !                                                                                                                                                                                     


Un FILM e la sua COLONNA SONORA
Diretto e ispirato dal libro di Rocco Papaleo "UNA PICCOLA IMPRESA MERIDIONALE" è un film che narra una storia ambienta al sud, un intreccio di storie e di personaggi attorno ad un faro in disuso che attira l'attenzione di tanti e che aiuterà a dare una svolta alle relative vite.

Un cast con la partecipazione di grandi nomi come Riccardo Scamarcio, Barbara Bobulova e Rocco Papaleo, un film uscito un mese fa da vedere perchè è una piacevole commedia italiana che allieta una domenica pomeriggio invernale. 

La colonna sonora "DOVE CADONO I FULMINI" dal ritmo armonico è affidata alla giovane cantautrice pugliese Erica Mou, una delle voci femminili più interessanti del panorama musicale attuale italiano, nella foto in alto durante il backstage del videoclip nel suggestivo scenario della riserva naturale di Torre Guaceto (Br). Bello il progetto e il vestito rosso indossato da Erica firmato dal noto atelier pugliese Zibilla.

Photo Credits: Barbara Bovio, Erica Mou


:: Questo post partecipa al contest BLOGGER WE WANT YOU, nella sezione Lifestyle,  organizzato da Grazia.it per dar luce ai tanti blog italiani, che a breve festeggerà un anno dal suo inizio, volto alla ricerca di IT Blogs da inserire nel proprio network ::